Di Sottomarini, Mummie e Limoni.

necronomicon-dead-skin-mask-book-cover-975x1204

Ieri sul gruppo Facebook di TWAU ho lanciato uno dei miei soliti quesiti, dove chiedevo ai fan di H.P. Lovecraft quale fosse il primo racconto letto e quale il loro preferito ed eventuali aneddoti o ricordi legati a questo.

Ne approfitto per riportarvi la mia risposta.

La prima volta che ho sentito parlare di Lovecraft dev’essere stato su qualche rivista di videogiochi che trattava anche gdr, ai tempi della prima media. Vatti a ricordare quale. Primo racconto letto, Dagon, nella raccolta “I Mostri All’Angolo Della Strada“, trovata nella libreria comunale di Santa Margherita Ligure quando ero in terza media.
Poi durante la seconda metà dei 90 sono riuscito a recuperare i quattro libri antologici con tutti i racconti, editi mi pare da Mondadori, ma ora non ho voglia di alzarmi a controllare.

Poi vediamo, racconto preferito.
Un racconto che adoro – e che per qualche ragione è molto poco conosciuto – a livello di atmosfera è quello del sommergibile tedesco, Il Tempio. Mi ha sempre affascinato molto quell’aura misteriosa e incombente che aleggia su tutta la storia, e ancor di più il finale aperto.
Ma non è facile sceglierne uno in particolare. Mi piacciono molto sia At The Mountains of Madness che The Dream Quest of Unknown Kadath, ma entrambi tendono a perdersi un po’ alla lunga.
Sono particolarmente devoto a Ghatanothoa, perchè – come raccontavo giorni fa a Francesco – in gioventù raccontare Dall’Abisso del Tempo (Out of the Aeons), con quella  storia della mummia che apriva gli occhi, mi procurò un gran bel limone con una tipa. Si, sarà stata l’estate del ’99, circa. Ero a cena da un’amica, e all’epoca non c’era ancora youtube o netflix, quindi considerato che in tv non c’era nulla di speciale mi chiese di raccontarle una storia di paura, e tutto sommato scelsi bene.

Un altro racconto che non si caga nessuno ma a me è sempre piaciuto era L’Orrore di Martin’s Beach. Ah si, e anche quello della vecchia casa nella nebbia, anche se ora non ricordo il nome e non ho cazzi di cercare.

Ad ogni modo per uno che ascolta black e death metal Lovecraft e Tolkien son due passaggi abbastanza obbligati viste le infinite citazioni e rimandi.

Come al solito vi giro la domanda.
Ci sono fan di Lovecraft fra di voi? Qual’è stato il primo racconto letto? E quale il preferito? aneddoti?

#CIAO

Annunci

3 thoughts on “Di Sottomarini, Mummie e Limoni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...